La King Biscuit Time blues band muove i suoi primi passi in riva allo Stretto di Messina durante un torrido agosto del 1993, frutto della passione per la musica nera di Michele Lotta e Nino Fazio. 
Le tante esperienze maturate in ambito giornalistico (Il Blues, Musica Jazz, Blue Time, Guitar Club) e radiofonico (interviste con B.B. King, Koko Taylor, Robben Ford, 'Gatemouth' Brown, David 'Honeyboy' Edwards, John Primer, John Hammond...) forniscono contributi fondamentali per allestire una macchina del blues alimentata da un propellente chiamato "feeling".
Nel febbraio del 1994 la KBT partecipa al Rock Contest Emergenza Rock vincendo le fasi eliminatorie.
La band siciliana incontra quindi il blues di Chicago esibendosi da opening act per il chitarrista Phil Guy.
E' dello stesso anno la prima esperienza discografica, Live For A.I.S.M., una compilation registrata in favore della nota associazione umanitaria.
A metà del 95 prende vita Love That Stuff, il primo lavoro in studio della King Biscuit Time. Accolto da unanimi consensi, il cd viene recensito dalla autorevole penna di Marco Longhi sulle pagine della rivista Il Blues. Qualche mese più tardi letichetta tedesca CrossCut record di Brema lo inserirà nel suo catalogo internazionale.
Il 9 ed il 16 maggio sono in agenda altri due importanti appuntamenti con il grande blues: a Messina e Cittanova (RC) la KBT apre i concerti del leggendario bluesman John Hammond.
Il 21 agosto dello stesso anno la blues band tiene un indimenticabile concerto presso il carcere di Gazzi (Messina) facendo da supporter all'esibizione del noto cantautore partenopeo Edoardo Bennato.
Nel gennaio del 97 la formazione messinese varca la frontiera per tre concerti in Svizzera, presso il famoso Atlantis Club di Basilea.
Un'annata decisamente speciale il 1997. Dopo aver suonato come supporter per James Harman in aprile, Il 4 luglio la KBT è invitata presso la Base NATO di Sigonella in occasione delle celebrazioni americane per l'Independence Day.
Il 2000 si apre all'insegna del nuovo lavoro Low Fidelity nel quale trovano spazio le tendenze più recenti del gruppo. Su tutte l'amore per lo swing, qui riletto in chiave semiacustica e con un largo uso di strumenti ed amplificatori d'epoca. La scelta della registrazione analogica (di cui si fa chiaro riferimento nel titolo) si propone di conferire al suono un sapore old time. Più che lusinghieri saranno i giudizi dalla stampa di settore.
La band ha partecipato per due edizioni consecutive (98 e 99) alla rassegna sarda Narcao Blues, presso Narcao (CA); al Summertime Blues festival di Alcamo (TP) nelle edizioni '96 e 2001; al festival Capo D'orlando in Blues nel 96; al Torano blues festival, in Calabria, nelle edizioni '95 e '96; alla rassegna In The Heart Of Blues presso lo Sly Disco Lounge di Napoli nel 2002; al Bagheria blues festival a Bagheria (PA); alla manifestazione Come Along a Torre S. Susanna (BR) nel 2003; al Caserta Blues festival nel '94... La KBT si è inoltre esibita nel corso della manifestazione d'apertura delle Universiadi del '97 in Sicilia.
Numerosi sono stati i 'passaggi' di brani della band nel corso di trasmissioni radiofoniche e televisive in Italia, Germania, Danimarca, Norvegia, Spagna, Stati Uniti, Argentina e Macedonia. Da segnalare alcuni interventi nel programma a diffusione nazionale Radio Uno Musica.
La KBT ha affiancato in cartellone artisti del calibro di Michael Coleman, Nine Below Zero, Maurice John Vaughan, Fabio Treves, Climax Blues Band, J.MonqueD, James Harman, Andy J. Forest, John Primer, Jimmy Johnson, Ten Years After, Sugar Blue, Popa Chubby, Sherman Robertson, Keb' Mo'&
La band ha cessato l'attività nell'autunno del 2004.



 

             Principali Manifestazioni


EMERGENZA ROCK Cosenza feb 25. 94
o.a. PHIL GUY Messina apr 11 .94
LIVE FOR A.I.S.M. Messina jun 10. 94
o.a. JOHN HAMMOND* Messina may 9. 95*
Cittanova (RC) may 16. 95*
TORANO Blues Festival Torano (CS) july 21. 95
FESTA DELLUNITA' Taurianova (RC) aug 7. 95
ECO JAZZ Pellaro (RC) aug 10. 95
ONDE GIOVANI Gazzi Jail (ME) aug 21. 95
JAZZMIN 96 V. S. Giovanni (RC) feb 5.96
LA CITTA CREATIVA Messina july 19. 96
MUSICA SULLACQUA Messina july 23. 96
TORANO Blues Festival (KBT duo) Torano (CS) july 28. 96
SUMMERTIME Blues Festival Alcamo (TP) aug 1. 96 .

CAPO DORLANDO IN BLUES

C. DOrlando (ME) aug 4. 96
ATLANTIS CLUB Basel jan 6/8. 97
XXI Rassegna MusicALEA Palermo jan 21. 97
FESTA DELLA DONNA (KBT duo) Gazzi Jail (ME) mar 8. 97
XXII Rassegna BRASS GROUP (KBT duo) Messina apr 17. 97
AMERICA'S INDEPENDENCE DAY NATO - Sigonella july 4. 97
UNIVERSIADI 97 Messina july 15. 97
EX SEAFLIGHT Capo Peloro (ME) aug 1. 97
BUSKERS Messina dec 26. 97
NARCAO Blues Festival Narcao (CA) july 23. 98
NARCAO Blues Festival Narcao (CA) july 29/31. 99
VOLTERRA ESTATE Volterra (PI) aug 12. 99
MESSINA SONORA Messina feb 16. 2000

TELETHON
SUMMERTIME Blues Festival
MESSINA Estate
FESTA DELL'UNITA'
IN THE HEART OF BLUES  (SLY)
BAROCCO BLUES REVUE
PELORO Blues Festival
ASPROMONTE BLUES E DINTORNI... 
BAGHERIA Blues Festival
COME ALONG

Messina dec 14, 2000
Alcamo (TP) july 27, 2001
Messina sep 4, 2001
Messina oct 4, 2002
Napoli oct 24, 2002  
Modica (RG) may 9, 2003
Messina jun 15, 2003
Gambarie (RC) jun 28, 2003
Bagheria (PA) july 25, 2003
Torre S. Susanna (BR) aug 22,2003
A FEBBRAIO... RITORNO AL BLUES Fragagnano (TA) feb. 13, 2004
CESERTA BLUES FESTIVAL (KBT duo) Caserta jun. 5, 2004
JE SO' BLUES...! Atessa (CH) jul 2, 2004
MESSINA VILLAGE - SUONI D'ESTATE Messina aug. 8,2004



Discografia


  CDKB002-01

formazione:

Michele Lotta, armonica
Nino Fazio, chitarra, voce
Maurizio Mancuso, batteria
Daniele Camarda, basso


"Un album concepito in ambito Classic Blues più che mai attuale e rigenerante che mi è piaciuto per la sua spontaneità. E' inoltre suonato con feeling."
Claudio Carbone (Blue Time) 
 
"Low Fidelity is high on my list of Killer CDS...I have 9 songs picked out for instant airplay. Any time is Biscuit time. I will spread the word about you crazy cats cookin the blues, Italian style..."
Mark T. Smith "The Blues Pilot" (KJLU 88.9 FM Jefferson City,Mo - USA)

"Nelle 12 tracce di questo loro secondo album i KBT affrontano stili strettamente collegati al blues ma dai sapori "old style" ottimamente curati nella loro "roughness". La band a mio avviso dà il suo meglio in brani come The Arms Of The Night, The Blues Hit The Road Again e il divertente Four Swingin' Biscuit."
Michele Sponza (Music Adventures)

"Un titolo, Low Fidelity, ricco come pochi altri di valori simbolici. Una svolta acustica più matura e personale per la King Biscuit Time. In Low Fidelity il gruppo messinese guarda allo spirito autentico del blues, ed anche al jazz degli anni '40."
Enrico Vita (Gazzetta del Sud) 

"Low Fidelity risulta essere un prodotto fresco, godibile e competente. Il solco tracciato con dodici pezzi è quello elettroacustico, eseguito con naturalezza e senza copiose imitazioni. . . Azzardiamo, fra i dischi italiani di blues usciti quest'anno, questo e fra i migliori, se non il ... "
Silvano Brambilla (Il Blues)

"I King Biscuit Time si propongono da parecchio tempo con una professionalità ed un repertorio degno di tutte le attenzioni, per nulla inferiore a molte realtà americane& non solo Chicago nelle loro note, ma una continua ricerca verso sonorità old fashioned come lo swing, il jazz e l'eredità delle big band degli anni quaranta. Il disco scorre con piacere tra atmosfere notturne ed eleganti, senza perdere mai di vista la passione per i suoni più ruvidi del Delta. Ottimo!"
Fabio Cerbone (rootshighway.it)

"Low Fidelity è decisamente un buon lavoro, in bilico tra moderno e... old style. Raramente mi è capitato di sentire un prodotto così originale e comunque vario e valido!!!"
Paolo Ganz (musicista)

"Il disco risulta vario e accattivante, anche per merito dellalternarsi di brani acustici ed elettrici e grazie soprattutto ad un uso competente di chitarra e armonica, che trainano alla grande le performance del gruppo."
Carlo Slidincharlie Pipitone (bluesguitar.it)


  CDKB001-95

formazione:

Michele Lotta, armonica
Nino Fazio, chitarra, voce
Enzo Maimone, batteria
Pippo Mafali, basso
Peppe Arena, chitarra


"The Band is the leading force in their region. Especially the slow numbers like Please, Mr. Blues are well worth a listen."
Crosscut Records

"L'uso della memoria del blues - retaggio della grande tradizione acustica del Delta e di quella urbana di Chicago - i brillanti colori strumentali, oltre al buon feeling espresso nei lenti, sono certamente gli elementi di maggior pregio della band."
Enrico Vita (Musica Jazz)

"Credo che Love That Stuff sarà molto apprezzato dagli addetti ai lavori e da coloro che ancora oggi sanno sintonizzarsi sul puro blues targato anni '50 e '60."
Marco Longhi (Il Blues)


  LLCD001-2004

formazione:

Michele Lotta, armonica
Nino Fazio, chitarra, voce
Maurizio Mancuso, batteria
Peppe Imbroscì, basso


  CDMD001-94

formazione:

Michele Lotta, armonica
Nino Fazio, chitarra, voce
Francesco Scuderi, batteria
Stefano Incardona, basso




Galleria Fotografica   vedi

         

                                                                                                     e-mail